Le cinque variazioni (Be Fem Benspaend)

Regia: Jorgen Leth e Lars von Trier

Danimarca 2003

De Fem Benspaend è l’ultima sadica opera di Lars Von Trier, autore dal quale tutto ci si può aspettare. Questa volta costruisce una specie di spietato saggio sulla (distruzione) della messinscena, vincolato da regole ed ostacoli ferrei. 

Non è una novità per Von Trier, essendo il Dogma95 esso stesso un insieme di regole ed ostacoli, ma questa volta tutto è diabolicamente evidente, mostrato nella sua int(en/ui)zione e quindi nella sua realizzazione. Vediamo Lars che incontra l’amico Jorgen Leth (documentarista, poeta, pittore danese molto famoso in patria) e gli confessa il proprio amore per un documentario girato dallo stesso Leth nel ’67, The Perfect Human. A questo punto Lars propone all’amico di girare nuovamente il corto cinque volte, ogni volta con una serie di ostacoli che via via deciderà per rendere la vita difficile a Jorgen ed impedirgli la tranquilla realizzazione del remake. Questo porterà Leth a girare per il mondo, da Cuba a Bombay e poi a Bruxelles. 

Il fascino del film sta proprio nel vedere compiersi le stramberie che fuoriescono dalla mente di Von Trier, perciò non resta che vedere il film e scoprire da soli la sua caustica terapia emozionale.

Commenti

Invia recensionePessimoNon granchéBuonoMolto buonoFantasticoInvia recensione

 © 2019 by Alessandro Tognolo.

  • Grey Facebook Icon
  • Grey Instagram Icon
  • Grey Twitter Icon
Alessandro
Tognolo

Critico Cinematografico