Nikoli nisva sla v benetke (We’ve never been to venice)

Regia:  Blaz Kutin

Slovenia 2008

E’ invece nel peso della storia che affonda Nikoli nisva sla v benetke (We’ve never been to venice) dello sloveno Blaz Kutin, elaborazione di un dramma sommerso e sconosciuto ma dall’impeto sconquassante.

Grega e Masha sono una coppia lacerata dal dolore, immobilizzati nella loro casa in stato di abbandono; va a fargli visita il padre di lui e li convince a uscire assieme per una gita che, prima del ritorno, li porterà, all’alba, in una Venezia desolata e liberatoria. Per tutto il viaggio si può solo avvertire e distinguere potentemente lo smarrimento, la rabbia, l’incomunicabilità, il rifiuto e la rassegnazione per la mancanza di qualcosa di visceralmente irrinunciabile, ma che non verrà mai espresso nei pochi dialoghi di circostanza tra i personaggi. Ogni luogo in cui fanno tappa sarà di volta in volta teso a liberare, espandere e sconfinare o precludere, ingabbiare e serrare gli orizzonti del progressivo disgregamento di ogni rapporto vitale della coppia.

Dice in proposito il regista: “Volevo avvicinarmi il più possibile alla sensazione di osservare qualcuno come se lo stessimo spiando seduti al tavolo vicino. Volevo dare allo spettatore il tempo e la possibilità di farlo, di accorgersi dei dettagli  e delle emozioni nascoste, senza interrompere con tagli inutili. Le scene sono statiche e la macchina da presa non si muove mai, nello stesso modo in cui Masha, Grega e suo padre sono intrappolati nella loro condizione. Quello che per me è essenziale sono i gesti, gli sguardi, le reazioni e l’interazione tra queste persone mentre cercano di ritrovare un rapporto.”

Commenti

Invia recensionePessimoNon granchéBuonoMolto buonoFantasticoInvia recensione

 © 2019 by Alessandro Tognolo.

  • Grey Facebook Icon
  • Grey Instagram Icon
  • Grey Twitter Icon
Alessandro
Tognolo

Critico Cinematografico